Iscriviti alla newsletter e approfitta
dei vantaggi!

4 semplicissimi trucchi per provvedere alla pulizia e all’idratazione degli occhi

Chi di noi non vorrebbe svegliarsi al mattino con occhi freschi e riposati?

A dispetto dell’effetto che una lunga notte di sonno crediamo – o meglio sarebbe dire speriamo – abbia sui nostri occhi, al mattino un po’ tutti noi avvertiamo un senso di pesantezza e di disidratazione oculare … ed ecco che la giornata parte già con il piede sbagliato.

Tuttavia, trattasi di un problema molto più comune di quanto pensiamo: d’altronde, se il rimedio della nonna top per occhi idratati e freschi, consistente nell’applicare delle fette di cetrioli sugli occhi, ancora sopravvive … qualche buona ragione deve pur esserci.

Anche il mercato è prova di quanto questo fastidio sia diffuso: in esso impazza la vendita di innovativi e costosi prodotti “naturali” e di cosmetici concepiti allo scopo.

Tuttavia, almeno in questo caso - e fatta eccezione, ovviamente, per i casi più gravi - ci si può affidare ai fai da te.

Ecco solo qualche piccolo trucco per provvedere, in maniera autonoma ma al tempo stesso sicura ed efficace, alla pulizia ed all’idratazione dei nostri occhi.

1. Via libera agli impacchi

Dischi di cotone imbevuti di latte freddo, da tenere sugli occhi per 10 -15 minuti, o da utilizzare alla sera come lozione struccante, rappresentano un modo del tutto naturale e delicato per dare sollievo ad occhi arrossati, disidratati e stanchi.

Tuttavia, essendo la chiave del rimedio insita nel freddo, piuttosto che nel latte in sé e per sé, per via del suo effetto decongestionante e rivitalizzante, analogo effetto - ad eccezione di quello struccante - si potrà ottenere con dell’acqua fredda precedentemente considerata in frigorifero.

2. Occhio all’alimentazione … in tutti i sensi

Altro accorgimento utile per avere, sia al mattino appena desti che alla sera, occhi ben idratati e riposati, è quello di preferire a tavola cibi ricchi di vitamina E, vitamina C e di beta-carotene.

Così come, infatti, questi nutrienti sono in grado di migliorare la condizione della pelle dall’interno, allo stesso modo essi concorrono alla salute generale degli occhi.

Arance, limoni, uova, frutta a guscio, carote, albicocche e zucca ne rappresentano le fonti più importanti.

3. Si alle erbe

L’eufrasia è dai tempi più remoti considerata un’ottima soluzione omeopatica per il benessere degli occhi. Essa gode di riconosciute ed apprezzate proprietà officinali, che ne fanno un antisettico e antinfiammatorio naturale.

E’ sufficiente prepararne un semplice infuso, lasciarlo raffreddare e applicarlo, con l’uso di batuffoli di cotone imbevuti, sulle palpebre chiuse: già dalle primissime applicazioni si potranno godere degli ottimi benefici.

4. Un rimedio irrinunciabile: l’uso dei colliri

In ultimo, ma non certo in ordine di rilievo, in qualsiasi farmacia sono disponibili colliri di ogni genere.

Molto dipende dalla regolarità con la quale i sintomi della secchezza oculare e degli arrossamenti si manifestano, tuttavia, ne esistono di totalmente naturali, a base, ad esempio, di estratti di altea, eufrasia e fiordaliso.

Ovviamente questi non sono indicati per chi soffre di eventuali intolleranze o allergie: in questo caso sarà decisamente da preferire l’utilizzo di altri colliri specifici appositamente pensati per gli occhi degli individui allergici.

In tutti i casi, fermo restando l’utilità di avvalersi di tutti questi piccoli accorgimenti, è sempre preferibile contattare preventivamente il proprio medico di famiglia chiedendo a lui consiglio, in base anche alla gravità e alla ricorrenza con le quali disidratazione e arrossamenti oculari si presentano.