Iscriviti alla newsletter e approfitta
dei vantaggi!

Capillari rotti: cosa possiamo fare per scongiurarne/attutirne la presenza

Capillari fragili, visibili sulle gambe e rottura dei capillari rappresentano problemi piuttosto comuni che non riguardano solo l’aspetto estetico della persona.

Sarebbe opportuno approfondire i motivi della comparsa di questi problemi, anche per meglio valutarne possibili soluzioni e rimedi.

La prevenzione è essenziale per evitare che i capillari si rompano o che diventino visibili sulle gambe. Dobbiamo seguire una dieta equilibrata per scongiurare al massimo il rischio di sovrappeso ed evitare lo stile di vita sedentario, che spesso rappresenta una delle cause principali dei difetti del microcircolo.

Ma perché i capillari si rompono?

Conosciuti anche come "acari di ragno", la comparsa dei capillari si verifica quando i vasi sanguigni più vicini alla pelle si dilatano eccessivamente. Se le vene o le arterie che alimentano il flusso sanguigno premono più del normale, i capillari si rompono.

In alcune persone questo problema è legato all'ipertensione.

Questa è la causa più frequente, non di certo l'unica.

La salute dei capillari è correlata allo stile di vita: la comparsa di capillari visibili sulle gambe o in altre parti del corpo potrebbe essere determinata da un consumo eccessivo di alcol o dal fumo.

L’alcol causa infatti la dilatazione dei vasi sanguigni, mentre il fumo, tra l’altro, tende a distruggere la vitamina C, importantissima per la protezione della salute dei capillari.

Tra le altre cause principali della rottura dei capillari è la vita troppo sedentaria.

E’ possibile, ad esempio, che chi trascorra tanto tempo seduto a lavorare sia maggiormente esposto a dover affrontare il problema dei capillari visibili. Altre cause sono da ricercare:

  • Fattori ereditari;
  • Avere la pelle molto chiara;
  • Uso di cosmetici particolarmente aggressivi;
  • Assunzioni di particolari farmaci;
  • Cambiamenti di temperatura improvvisi (da freddo a caldo e viceversa);
  • Indossare vestiti troppo stretti;
  • Stile di vita sedentario;
  • Utilizzo di cerette;
  • Cambiamenti ormonali;
  • Insufficienza cardiovascolare;
  • Bere alcol in eccesso;
  • Fumo.

Prevenzione e cura dei capillari rotti

Tra le misure di prevenzione più importanti sono da annoverare:

- evitare la ritenzione di liquidi e il sovrappeso;

- preferire sempre uno stile di vita sano;

- svolgere regolarmente un adeguato esercizio fisico;

- seguire sempre un buon regime alimentare ricca di agrumi e vitamina E è essenziale per rafforzare i capillari indeboliti e migliorare la coagulazione del sangue.

A livello di cura, ci sarebbe tanto da dire.

I rimedi vanno da quelli della nonna a quelli chirurgici.

Nei primi sono da annoverare: l’uso di aloe vera, miniera di proprietà benefiche per la nostra pelle e la nostra salute. Il gel di aloe vera ha la capacità di alleviare tutti i tipi di infiammazioni o problemi della pelle.

Anche i massaggi con olii essenziali possono rivelarsi parecchio utili. Tra questi quelli di menta, geranio e limone rallentano la propagazione della rottura del capillari e, allo stesso tempo, ne riducono l'aspetto, ma anche ippocastano e olio di vinaccioli si rivelano un toccasana, grazie alle loro proprietà antinfiammatorie e vaso costruttive.

È doveroso però precisare che, questi preziosi elementi della natura hanno la capacità di migliorare l'aspetto della pelle quando è molto sottile o asciutta, tuttavia, non sono in grado di far scomparire i capillari rotti. Allo scopo, l’unica strada davvero risolutiva da perseguire è quella della microchirurgia, con un apposito intervento di sclerotizzazione.